La nascita del comitato

botticelli_particolare-venere

Contro la Violenza sulle Donne

In questo autunno trapanese, alcune donne  durante un incontro hanno immaginato un territorio piu’ aperto alle potenzialita’ delle donne, di tutte le donne, uguali pur nelle loro diversita’.

Da questo incontro e’ nata l’idea di creare un Comitato di donne per le donne. Idea che e’ stata subito condivisa con entusiasmo e passione da tre donne, professionalmente diverse, che hanno dato vita e concretezza a questo progetto. E’ nato cosi’ “Il Comitato delle donne”, fondato da Vanessa Galipoli, Cristiana Bertasi e Daniela Armato, che si sono unite per cercare, insieme a tutte le donne che hanno colto e condiviso questa iniziativa, di dare spazio al ruolo femminile, molte volte e per diverse circostanze “messo ai margini”.

“Crediamo in questo progetto – hanno detto – perche’ crediamo nella capacita’, nella forza, nella determinazione e nel coraggio delle donne, troppo spesso non ascoltate, escluse, sottovalutate, discriminate.. Noi donne abbiamo un potenziale altissimo ma inespresso, schiacciate in una societa’ eccessivamente misogina. Pensiamo che solo l’unione possa darci la forza per farci sentire e per farci ascoltare. Crediamo in questa associazione che vuole essere punto di incontro, di dialogo, di confronto e di ascolto, ma soprattutto vuole essere ” voce” per tutte le donne”.

si fara’ pertanto promotore e portavoce di tutte quelle iniziative culturali, artistiche, di comunicazione, di sensibilizzazione ecc., tese a migliorare la qualità’ della vita delle donne presenti sul territorio. Nessuna voce deve essere muta.

Domenica 25 novembre 2012, in occasione delle giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il Comitato delle donne ha deciso di promuovere ed organizzare un evento di sensibilizzazione, ma anche di valorizzazione dell’immagine femminile attraverso gli strumenti dell’arte e della cultura in ogni loro forma, come mezzi per combatte l’ignoranza che porta alla sopraffazione di cui purtroppo troppo spesso le donne sono vittime.

Lascia un Commento